Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato

trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato

Un interessante lavoro scientifico che affronta questo continuo dilemma. Inoltre, è stato sostenuto che i trattamenti definitivi potrebbero causare un eccessivo trattamento, trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato particolare nel gruppo a rischio molto basso, basso e favorevole. Quando per questo gruppo di pazienti vengono presi in trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato Prostatite alternativi e metodi di follow-up, la sorveglianza attiva è considerata una buona alternativa per i pazienti con gruppi a rischio molto basso e basso in questa era. Tuttavia, è diventato necessario trovare altre alternative per i pazienti del gruppo a rischio favorevole o per i pazienti che non possono adottare un follow-up attivo. Alla luce degli sviluppi tecnologici, il concetto di terapia focale è stato introdotto con l'intensificazione della ricerca per trattare solo l'area lesionata invece di trattare l'intero organo per le lesioni Cura la prostatite prostata, anche se non ci sono ancora molte pubblicazioni su molte di esse. Secondo i risultati iniziali, si è capito che i risultati potrebbero essere buoni se la tecnica di terapia focale appropriata fosse applicata al paziente appropriato. Pertanto, le terapie focali hanno iniziato a trovare il loro posto "di mezzo" tra le terapie definitive e il follow-up attivo. Magazine Salute. I medici più attivi. Ultimi articoli. Home Medici Consulti Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato Roma RM Vedi mappa. Segui Non seguire più. Prenota una visita. Fai una domanda. Chi sono.

Sono state eseguite con tecnica open 36 procedure intenzionalmente nerve sparing, con tecnica secondo Walsh, di cui Prostatite monolaterali e 16 bilaterali, in pazienti con età media di 54 anni tabella La prostatectomia radicale nerve sparing laparoscopica è stata eseguita con incisioni a freddo dei peduncoli vascolari della prostata, previa applicazione di clips tipo Hem-o-lock.

Sono state eseguite 32 procedure intenzionalmente nerve sparing, di queste 18 monolaterali e 14 bilaterali tabella Tabella Risultati Disfunzione Erettile. Procedure NS. Il nostro è uno studio retrospettivo di confronto tra due approcci chirurgici alla prostatectomia radicale. In letteratura esistono poche valutazioni prospettiche.

Abbiamo esaminato i dati basandoci sui principali lavori comparativi presenti in letteratura. Sostanziale differenza la si è trovata confrontando i nostri dati con impotenza della letteratura per il sanguinamento intraoperatorio. Infatti pur non essendoci differenze tra i nostri due gruppi, le perdite ematiche della tecnica open sono risultate decisamente al di sotto della media riportata in letteratura.

Il gruppo di Catalona Lepor et al,riporta un sanguinamento medio di circa ml, valore in media con altri gruppi di studio. Riteniamo che le ridotte perdite ematiche medie intraoperatorie nella nostra esperienza mlsiano legate al fatto che la nostra casistica prende in considerazione le procedure eseguite da un unico chirurgo esperto, a differenza di tutti i lavori in letteratura che riportano i risultati di una equipe chirurgica.

In termini di dolore post operatorio i nostri dati sono risultati in linea con quelli della letteratura, ad eccezione del gruppo open in cui la percentuale di terapia analgesica a richiesta è risultata inferiore a quella riportata in letteratura. A nostro parere una ferita laparotomica inferiore ai 10 cm, associata ad una precoce Prostatite cronica del paziente, influiscono sulla riduzione del dolore post operatorio.

Infatti nei pochi casi di pazienti obesi sottoposti a prostatectomia radicale open, trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato ferita chirurgica più ampia, correlava con un maggiore utilizzo di terapia analgesica al bisogno. Riteniamo che i dati ottenuti siano sufficienti per poter affermare che la tecnica laparoscopica ha un notevole vantaggio rispetto alla tecnica open in termini di dolore post operatorio.

Il valore assoluto di margini chirurgici positivi nel gruppo laparoscopico del Un campione più ampio potrà dare in futuro risultati ancora più vantaggiosi. Nella stratificazione per stadio patologico abbiamo osservato percentuali di margini positivi paragonabili a quelle presenti in letteratura sia per i pT2 che per i pT3. Interessante è risultata la percentuale globale di margini chirurgici positivi trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato pazienti sottoposti a nerve trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato questa è risulatata più bassa nel gruppo laparoscopico rispetto al gruppo open, in linea con la letteratura.

Infatti la dissezione apicale accurata della laparoscopia permette di preservare una quota di tessuto uretrale superiore a 1. Dal nostro studio emerge che non vi sono differenze trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato i due approcci in termini di percentuale globale di incontinenza.

Nella stratificazione dei dati per tempi di recupero, abbiamo osservato i vantaggi della laparoscopia a breve termine. Infatti la percentuale di pazienti con recupero completo della continenza urinaria alla rimozione del catetere è risultata il trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato rispetto al gruppo open Riteniamo che questi risultati di recupero precoce della continenza, sovrapponibili a quelli presenti in letteratura Rassweiler et al, ; Curto et al, ; Guilloneau et al,siano legati alla tecnica chirurgica.

Nel gruppo open, in realtà, prostatite notato una differenza con i dati presenti in letteratura relativi al recupero della continenza, fra i 3 e i 6 mesi, osservando nel nostro studio un numero maggiore di pazienti continenti.

Nella valutazione dei tempi di recupero della continenza, abbiamo considerato solo il valore assoluto dei pazienti continenti, per cui pur osservando percentuali più basse rispetto a quelle presenti in letteratura i dati si dimostrano sovrapponibili nel gruppo open e trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato nel gruppo laparoscopico. Nella valutazione del tipo di incontinenza lieve, media e severanon si sono osservate differenze tra i due gruppi in concordanza con i dati presenti in letteratura, anche se pochi lavori valutano questo tipo di trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato.

In entrambi i bracci di studio la dissezione dei peduncoli vascolari della prostata con tecnica nerve sparing è stata eseguita previa applicazione di clips, senza utilizzo di energia.

trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato

I dati ottenuti fanno riferimento al campione di pazienti trattati con terapia medica. Infatti come già accennato nel disegno dello studio, tutti i pazienti sottoposti a procedura nerve sparing, subivano una riabilitazione con PGE-2 e successivamente terapia con inibitori delle 5-fosfodiesterasi. Prostatite dato laparoscopico è risultato sovrapponibile a lavori presenti in letteratura, riteniamo che tale vantaggio sia dovuto ad una più accurata dissezione, legata alla migliore visualizzazione del fascio neurovascolare con la procedura laparoscopica Rassweiler et al, ; Curto et al, ; Guilloneau et al, ; Stolzemburg et al, Infatti, si osserva una maggiore percentuale di recupero della potenza trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato pazienti sottoposti a procedura nerve sparing bilaterale.

Home Andrologia Infertilità maschile Impotenza maschile Ipogonadismo Maschile Il priapismo prostatite Traumi dei genitali Incontinenza urinaria Caso clinico sulla prostatite cronica Caso clinico di infertilità di coppia Caso clinico di malattia di La Peyronie Caso clinico di trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato che scopre di essere geneticamente un maschio Caso clinico di parafimosi in soggetto con comportamento parafilico Caso clinico di colica renale Cistectomia radicale Youporn ed eiaculazione precoce, caso clinico.

Caso clinico di priapismo Calcolosi renale Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato interstiziale Storia della medicina La sindrome dei 50 orgasmi al giorno Chirurgia ricostruttiva Il varicocele Orchiectomia semplice Traumi renali Iperaldosteronismo Le sling pubo-vescicali La sifilide Domande sulla ipertrofia prostatica benigna Morbo di Bowen La sindrome di Reiter Andrologia Oncologica Il tumore della prostata Considerazioni sul tumore prostatico Prostatectomia perineale Tariffe Curriculum vitae dott.

Igino Intermite Come scegliere uno specialista andrologo contatti. Igino Intermite, prostatite specialista in urologia e andrologia Il Dott. Patologie andrologiche Le più comuni patologie andrologiche, cause, diagnosi, cure. Sterilità e infertilità Sterilità e infertilità: analisi approfondita delle cause e dei fattori che le determinano.

In base agli attuali studi epidemiologici SEER, Surveillance, Epidemiology and End Results dal al un uomo su sei è candidato a sviluppare una neoplasia della prostata nel corso della propria vita. Evidenze più dirette derivano da uno studio prospettico, il Physician Health Cura la prostatiteche dimostra che gli uomini sani appartenenti al quartile di testosterone circolante più elevato hanno un rischio relativo di 2,6 di sviluppare un carcinoma della prostata rispetto a quelli del quartile più basso.

Gleason Score Il sistema di Gleason è considerato il sistema di riferimento in tutti i modelli di studio del cancro alla trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato. Gleason 2: tumore ancora abbastanza circoscritto, ma con eventuale minima estensione delle ghiandole neoplastiche alla periferia del nodulo tumorale, nel tessuto prostatico non-neoplastico. Gleason 3: tumore che infiltra il tessuto prostatico non-tumorale; le ghiandole presentano notevole variabilità di forma e dimensione.

Gleason 4: ghiandole tumorali con contorni mal definiti e fuse fra loro; possono essere presenti ghiandole cribriformi con bordi irregolari. Gleason 5: tumore che non presenta differenziazione ghiandolare, ma è composto da cordoni solidi o da singole cellule. Il grado di differenziazione del tumore della prostata è uno degli elementi predittivi più forti e più vantaggiosi, proprio per questo trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato fortemente raccomandato.

Quando il tumore si presenta con un solo pattern, il grado primario viene raddoppiato per arrivare a uno Score adeguato. Gli Score di Gleason possono essere raggruppati in categorie di differenziazione o prognostiche. Il sistema di Gleason non va utilizzato, in quanto inaffidabile, nei pazienti che sono stati sottoposti a trattamento ormonale neoadiuvante; in questi casi deve essere fatto riferimento al Gleason bioptico pre-ormonoterapia.

Trattamento: Prostatectomia Radicale Introduzione Il trattamento chirurgico del tumore della prostata consiste nella prostatectomia radicale, che vuol dire la rimozione completa della ghiandola prostatica, con la resezione di entrambe le vescicole seminali. Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato laparoscopica robot trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato È stata introdotta sul mercato come una tecnica meno invasiva, tecnologicamente è il metodo più avanzato per compiere l'operazione, dando meno dolore e un recupero più rapido.

Incontinenza Urinaria Dopo prostatectomia radicale open, l'incontinenza è di solito secondaria alla deficienza dello sfintere intrinseco. Incontinenza Urinaria La tecnica chirurgica è indubbiamente un fattore che contribuisce al recupero della continenza Smith, Albertsen et al. Competing risk analysis of men aged 55 to 74 years trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato diagnosis managed conservatively for clinically localized prostate cancer.

JAMA ; 11 Allaf and Carter, Allaf et al.

trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato

Arnold et al. Intraoperative and perioperative morbidity of contemporary radical retropubic prostatectomy in a consecutive series of patients: results of a single centre between and Eur Urol ;43 2 Prognostic factors and survival in nodepositive N1 prostate cancer — a prospective study based on data from a Swedish population-based cohort. Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato Urol ;43 6 Bader et al. Disease progression and survival of patients with positive lymph nodes after radical prostatectomy.

Is there a chance of cure? J Urol ; 3 Is a limited lymph node dissection an adequate staging procedure trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato prostate cancer? J Urol ; 2 Bales et al.

Prostatite da pseudomonas aeruginosa infections

Beerlage et al. Variations in morbidity after radical prostatectomy.

trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato

N Engl J Med ; 15 Benson et al. Radical prostatectomy versus watchful waiting in early prostate cancer. NEJM ; 19 Bill-Axelson et al. Bishoff et al. Cancer incidence and mortality in the European Union: cancer registry data and estimates of national incidence for Eur J Cancer ;33 7 Blana et al.

Management of locally advanced prostate cancer: a European Consensus. Int J Clin Pract ;57 3 Radical prostatectomy for prostate cancer: the perineal approach increases the risk of surgically induced positive margins and capsular incisions. J Urol ; 4 Bolla et al. Long-term results with immediate androgen suppression and external irradiation in patients with locally advanced prostate cancer an EORTC study : a phase III randomised trial.

Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato Postoperative radiotherapy after radical prostatectomy: a randomised controlled trial EORTC trial Bratt O. Hereditary prostate cancer: clinical aspects. Estimates of cancer incidence and mortality in Europe in Eur J Cancer ;38 1 Latent carcinoma of trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato at autopsy in seven areas. Int J Cancer ;20 5 Validation of a nomogram predicting the probability of lymph node invasion based on the extent of pelvic lymphadenectomy in patients with clinically localized prostate cancer.

BJU Int ;98 4 Epub ahead of trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato Jun 26, Complications and other surgical outcomes associated with extended pelvic lymphadenectomy in men with localized prostate cancer. Eur Urol ;50 5 Cura la prostatite ahead of print Aug 31, The role of lymphadenectomy in prostate cancer.

Nat Clin Pract Urol ;2 7 Burnett, Burren et al. Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato incidence in Sweden Mendelian inheritance of familial prostate cancer.

Carter et al. Catalona et al. J Urol ; 5 Pt 2 Chang et al. Chapelon et al. Chaussy and Thuroff, Chen and Wood, Cheng et al. Risk of prostate carcinoma death in patients with lymph node metastasis. Cancer ;91 1 Choo et al. Ciancio and Kim, Survival of men with clinically localized prostate cancer detected in the eighth decade of life. J Urol ; 5 Cox et al. Cox, Cozzarini et trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato.

Critz trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato al. Critz, Cytron et al. Combination of preoperative PSA level, biopsy Gleason score, percentage of positive biopsies and MRI T-stage to predict early failure in men with clinically localized prostate cancer. Urology ;55 4 Da Silva et al. Abstract D'Amico Prostatite al.

La terapia ormonale ha lo scopo di ridurre il livello di testosterone, l'ormone maschile che stimola la crescita delle cellule del tumore della prostata, o di bloccarne la sua azione a livello delle cellule neoplastiche per rallentarne la proliferazione.

Non è scevra da effetti collaterali anche rilevanti: causa il calo del desiderio sessuale, la disfunzione erettile e le vampate di calore. È stato inoltre segnalato il rischio di sviluppare diabete, malattie cardiovascolari e neurologiche.

Sono di recente entrati nella pratica clinica nuovi farmaci definiti "ormonali" che agiscono bloccando a vari livelli e in maniera profonda l'azione del testosterone. Questi farmaci, che hanno trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato profili di effetti collaterali più che accettabili, al momento sono utilizzati nella malattia metastatica quando l'ormonoterapia tradizionale o la chemioterapia non riescono più a controllare il tumore.

La chemioterapia interferisce con la moltiplicazione delle cellule tumorali. Il trattamento viene usato quando il tumore è in stadio metastatico e non risponde più alla terapia ormonale. La terapia ormonale ha lo scopo di ridurre il livello di testosterone, l'ormone maschile che stimola la crescita delle cellule del tumore della prostata, o di bloccarne la sua azione a livello trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato cellule neoplastiche per rallentarne la proliferazione.

Non è scevra da effetti collaterali anche rilevanti: causa il calo del desiderio sessuale, la disfunzione erettile e le vampate di calore. È stato inoltre segnalato il rischio di sviluppare diabete, malattie cardiovascolari e neurologiche. Sono Cura la prostatite recente entrati nella pratica clinica nuovi farmaci definiti "ormonali" che agiscono bloccando a vari livelli e in maniera profonda l'azione del testosterone.

Prostatite da clistere

Questi farmaci, che hanno dei profili di effetti collaterali più che accettabili, al momento sono utilizzati nella trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato metastatica quando l'ormonoterapia tradizionale o la chemioterapia non riescono più a controllare il tumore. La chemioterapia interferisce con la moltiplicazione delle cellule tumorali.

Il trattamento viene usato quando il tumore è in stadio metastatico e non risponde più alla terapia ormonale. La DRE Esplorazione digito-rettale rappresenta sovente il primo approccio diagnostico al paziente che presenti sintomatologia riferibile ad una patologia prostatica. Del nodulo si possono definire la sede, i margini, la superficie e la consistenza. Terapia Trattamenti dilazionati: sorveglianza attiva trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato vigile attesa.

Applicazioni meno comuni per la radioterapia si hanno quando il tumore comprime il midollo spinaleo talvolta dopo la chirurgia, quando il tumore per esempio si trova nelle vescicole seminali, nei linfonodi, al di fuori della capsula prostatica, o ai margini della biopsia. La radioterapia viene spesso utilizzata per quei pazienti in cui lo stato di salute aumenta il rischio chirurgico.

Sembra in grado di curare i piccoli tumori confinati alla prostata quasi quanto la chirurgia. Tuttavia, alalcune questioni rimangono irrisolte, ossia se le radiazioni debbano essere somministrate al resto della pelviquale debba essere la dose assorbitae la terapia ormonale debba essere effettuata contemporaneamente.

Gli effetti collaterali della radioterapia possono presentarsi dopo poche settimane dall'inizio del trattamento.

I sintomi tendono a migliorare nel corso del tempo. La criochirurgia è un altro metodo di trattamento del tumore della prostata. È meno invasivo della prostatectomia radicale, e richiede meno frequentemente l' anestesia generale. Sotto guida ecografica vengono inserite delle barrette metalliche attraverso la cute del perineo sino alla prostata. L'acqua contenuta nelle cellule della prostata congela e le cellule muoiono.

L'uretra trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato protetta dal freddo con un catetere Foley riempito di acqua calda. Quando utilizzata come trattamento iniziale, la criochirurgia non ha l'efficacia della chirurgia tradizionale o della radioterapia, [] tuttavia è potenzialmente preferibile alla prostatectomia radicale nel caso di recidive tumorali dopo radioterapia.

La terapia ormonale utilizza i farmaci o la chirurgia per impedire alle cellule tumorali della prostata di assumere diidrotestosterone DHTun ormone prodotto dai testicoli e dalla prostata stessa, e necessario alla maggioranza dei tumori per accrescersi. Tuttavia la terapia ormonale di rado è curativa, perché il tumore di solito sviluppa resistenza nell'arco di uno o due anni.

La terapia ormonale colpisce le vie metaboliche che l'organismo utilizza per produrre DHT, a qualche livello del circuito di feedback endocrino che coinvolge i testicoli, l' ipotalamol' ipofisii surreni e la prostata. Il GnRH stimola l'ipofisi a produrre trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato luteinizzante LHil quale fa produrre ai testicoli testosterone.

Infine il testosterone dei testicoli e il deidroepiandrosterone dai surreni stimolano la prostata a produrre più DHT. A oggi la terapia ormonale di maggior efficacia sono l'orchiectomia e i GnRH-agonisti. Nonostante i loro elevati costi, i GnRH-agonisti sono scelti più spesso dell'orchiectomia per ragioni estetiche ed emotive.

Ogni trattamento ha degli svantaggi che ne limitano gli impieghi in certe circostanze. Gli estrogeni non si usano comunemente, perché aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, e trombosi. Gli antiandrogeni non causano in genere impotenza e danno luogo a minore perdita di massa muscolare e densità ossea. Le terapie possono anche essere neoadiuvanti pre-operatorie per ridurre lo stadio prima della trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato o adiuvanti post-operatoria per ridurre il rischio di recidive.

Per recidiva biochimica si intende un innalzamento dei valori di PSA successivo alla prostatectomia radicale che, essendo prodotto dalle cellule neoplastiche, indica una ripresa della crescita tumorale. In questo caso TAC, scintigrafia o trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato esame di imaging sono poco utili in quanto le recidive trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato spesso di piccole dimensioni e quindi non rilevabili con questi mezzi.

Il metodo migliore per capire se la recidiva è localizzata nella loggia prostatica o è sistemica consiste nell'analizzare la presenza di alcuni fattori di rischio sotto elencati quelli per recidiva locale, la recidiva trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato è presunta dai parametri opposti :. Si parla in questi casi di carcinoma della prostata resistente alla castrazione. In trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato fase di malattia il tumore è in grado di crescere e progredire anche in presenza di basse dosi di testosterone circolante.

Tra i chemioterapici utilizzabili, il docetaxel mostra un aumento della sopravvivenza di circa mesi. La terapia radiometabolica delle metastasi ossee con Ra ha dimostrato in recenti studi un allungamento della sopravvivenza nei pazienti con tumore resistente alla castrazione []. Una cura palliativa per i tumori prostatici in fase avanzata è rivolta al migliorare la qualità della vita attenuando i sintomi delle metastasi.

Il regime terapeutico usato più di frequente combina il chemioterapico docetaxel con un corticosteroide come il prednisone. I bifosfonati come l' acido zoledronico si sono dimostrati in grado di posticipare le complicazioni a carico dello scheletro come le fratture ; inoltre inibiscono direttamente la crescita delle cellule neoplastiche.

L'utilizzo della radioterapia in pazienti con metastasi di carcinoma prostatico refrattarie alla terapia ormonale. Il dolore osseo dovuto alle metastasi viene trattato in prima istanza con analgesici oppioidi come la morfina e Trattiamo la prostatite ossicodone.

La radioterapia a fascio esterno diretta sulle metastasi ossee assicura una diminuzione del dolore ed è indicata in caso di lesioni isolate, mentre la terapia radiometabolica è impiegabile nella palliazione della malattia ossea secondaria più diffusa [] []. Cura la prostatite società occidentali i tassi di tumori della prostata sono più elevati, e le prognosi più sfavorevoli che nel resto del Prostatite. Molti dei fattori di rischio sono maggiormente trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato in Occidente, tra cui la maggior trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato di vita e il consumo di grassi animali.

Inoltre, dove sono più accessibili i programmi di screening, v'è un maggior tasso prostatite diagnosi. Nei pazienti sottoposti a trattamento gli indicatori prognostici più importanti sono lo stadio di malattia, i livelli pre-terapia di PSA e l'indice di Gleason.

In generale maggiore il grado e lo stadio peggiore è la prognosi. Le predizioni sono basate sull'esperienza su ampi gruppi di pazienti affetti da tumori in vari stadi. Uno studio del [] indica che eiaculazioni regolari possono avere un ruolo nella prevenzione del tumore della prostata.

Altri studi, tuttavia: [] non rilevano un'associazione significativa tra trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato due fattori. Un ulteriore studio risalente al riporta che: "La maggior parte delle categorie trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato persone con una elevata frequenza di eiaculazione si sono dimostrate non correlate al rischio di cancro alla prostata.

Tuttavia, la frequenza di eiaculazione alta è correlata a diminuzione del rischio totale di cancro alla prostata". L' abstract della relazione ha concluso che: "I nostri risultati suggeriscono che la frequenza di eiaculazione non è correlata a un aumento del rischio di cancro alla prostata".

Altri progetti. MedlinePlus : ; eMedicine :. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. URL consultato il 7 gennaio archiviato dall' url originale il 4 gennaio URL consultato il 26 dicembre The case of scirrhous of the prostate gland with corresponding affliction of the lymphatic glands in the lumbar region Prostatite cronica in the pelvis. Lancet 1, Prostate cancer: a brief history and the discovery of hormonal ablation treatment.

Four cases of radical prostatectomy. Johns Hopkins Bull. Radical prostatectomy with preservation of sexual trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato anatomical and pathological considerations.

Prostate 4, Studies on prostate cancer: 1. The effects of castration, of estrogen and androgen injection on serum phosphatases in metastatic carcinoma of the prostate. Cancer Res. Schally, AJ. Kastin; A. Arimura, Hypothalamic follicle-stimulating hormone FSH and luteinizing hormone LH -regulating hormone: structure, physiology, and clinical studies.

Tolis, D. Ackman; A. Stellos; A. Mehta; F. Labrie; AT. Fazekas; AM. Comaru-Schally; AV. Schally, Tumor growth inhibition in patients with prostatic carcinoma treated with luteinizing hormone-releasing hormone agonists. Denmeade, JT. Isaacs, A history of Cura la prostatite cancer treatment.

Scott, DE. Johnson; JE.

Знакомства

Schmidt; RP. Gibbons; GR. Prout; JR. Joiner; J.

I trattamenti terapeutici della prostata

Saroff; GP. Murphy, Chemotherapy of advanced prostatic carcinoma with cyclophosphamide or 5-fluorouracil: results of first national randomized study. URL consultato l'11 novembre Hoffman, FD.

Gilliland; JW. Eley; LC. Harlan; RA. Stephenson; JL. Stanford; PC. Albertson; AS. Hamilton; WC. Hunt; AL. Potosky, Racial and ethnic differences in advanced-stage prostate cancer: the Prostate Cancer Outcomes Study. URL consultato il 27 gennaio Cancer Prev. Hsing and Anand P. Cancer Inst. Hankey, EJ. Feuer; LX. Clegg; RB. Hayes; JM. Legler; PC. Prorok; LA.

Ries; RM. Merrill; RS. Kaplan, Cancer surveillance series: interpreting trends in prostate cancer--part I: Evidence of the effects of screening in recent prostate cancer incidence, mortality, and survival rates. Breslow, Trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato. Chan; G. Dhom; RA. La scelta del trattamento del tumore alla prostata viene effettuata considerando numerosi fattori legati sia alla classe di rischio del tumore rischio di mortalità e di progressione della malattia basato su stadio, tipo istologico e PSA sia allo stato del paziente età, sintomi, salute in generale e alle sue preferenze e aspettative.

Nei casi di trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato alla prostata in fase precoce, a basso rischio di progressione, a crescita lenta e privo di sintomi, è appropriato non effettuare alcuna terapia e fare l'osservazione dell'evoluzione del tumore con un programma codificato di Sorveglianza Attiva.

La prostatectomia radicale è la rimozione chirurgica dell'intera ghiandola prostatica associata o meno all'asportazione dei linfonodi della Prostatite vicina al tumore.

Gli effetti collaterali più rilevanti della prostatectomia radicale sono l'impotenza e, più raramente, l'incontinenza urinaria. Molto rara, viceversa, è l'incontinenza urinaria. La tecnica necessita pertanto dell'impianto mininvasivo, ma che richiede comunque l'utilizzo dell'anestesia, di semi radioattivi nella prostata e comporta il rischio di insorgenza di disturbi urinari. La disfunzione erettile e meno frequente rispetto alle altre tecniche, ma è comunque presente.

La terapia ormonale ha lo trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato di ridurre il livello di testosterone, l'ormone maschile che stimola la crescita delle cellule del tumore della prostata, o di bloccarne la sua azione a livello delle cellule neoplastiche per rallentarne la proliferazione.

Non è scevra da effetti collaterali anche rilevanti: causa il calo del desiderio sessuale, Trattiamo la prostatite disfunzione erettile e le vampate di calore.

È stato inoltre segnalato il rischio di sviluppare diabete, malattie cardiovascolari e neurologiche. Sono di recente entrati nella pratica clinica nuovi farmaci definiti "ormonali" che trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato bloccando a vari livelli e in maniera profonda l'azione del testosterone.

I trattamenti terapeutici della prostata

Questi farmaci, che hanno dei profili di effetti collaterali più che accettabili, al momento sono utilizzati nella malattia metastatica quando l'ormonoterapia tradizionale o la chemioterapia non riescono più a controllare il tumore. La chemioterapia interferisce con la moltiplicazione delle cellule tumorali. Il trattamento viene usato quando il tumore è in stadio metastatico e non risponde più alla terapia ormonale.

La chemioterapia colpendo anche la trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato delle cellule sane causa comporta non pochi effetti collaterali che hanno un discreto impatto sulla qualità di vita dei pazienti perdita di capelli, perdita di appetito, nausea e vomito, stanchezza e infezioni. Alcune nuove terapie, che devono ancora essere considerate sperimentali, possono essere utilizzate in particolari situazioni di tumore prostatico.

Tra queste vanno ricordate:. Campagna informativa realizzata da GlaxoSmithKline S. Il presente materiale non è promozionale di prodotto, non rivendica né esplicita caratteristiche terapeutiche di farmaci GSK e come tale non ricade nell'ambito di applicazione trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato D. Le informazioni riportate non sostituiscono il parere del proprio medico di fiducia al quale ci si deve sempre rivolgere.

I trattamenti terapeutici della prostata. Sorveglianza Attiva Nei casi di tumore alla prostata in fase precoce, a basso rischio di trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato, a crescita lenta Prostatite cronica privo di sintomi, è appropriato non effettuare alcuna terapia e fare l'osservazione dell'evoluzione del tumore con un programma codificato di Sorveglianza Attiva.

Prostatectomia Radicale La prostatectomia radicale è la rimozione chirurgica dell'intera ghiandola prostatica associata o meno all'asportazione dei trattamento definitivo del carcinoma prostatico localizzato della regione vicina al tumore. Ormonoterapia La terapia ormonale ha lo scopo di ridurre il livello di testosterone, l'ormone maschile che stimola la crescita delle cellule del tumore della prostata, o di bloccarne la sua azione a livello delle cellule neoplastiche per rallentarne la proliferazione.

Chemioterapia La chemioterapia interferisce con la moltiplicazione delle cellule tumorali. Terapie Sperimentali Alcune nuove terapie, che devono ancora essere considerate sperimentali, possono essere utilizzate in particolari situazioni di tumore prostatico.

Tra queste vanno ricordate: la crioterapia che distrugge le cellule tumorali con le basse temperature 1,2 la terapia con ultrasuoni HIFU che usa gli ultrasuoni per indurre un danno meccanico e termico alle cellule tumorali 1,2.

Quando andare dal medico. Scopri quali esami fare. Cerca un medico specialista. Riferimenti in letteratura. Edizione Disponibile su www. Basi scientifiche Linee Guida. Terapia del tumore alla prostata. OK NO.